DNA
- ovvero acronimo per Acido DesossiriboNucleico -

DNA - acronimo per Acido DesossiriboNucleico
DNA La Ricerca Contatti

DNA, la Mappatura cromosomica di ogni essere vivente

DNA

DNA Per la chimica il DNA e' un polimero organico composto da monomeri denominati nucleotidi.

I nucleotidi sono formati principalmente da tre componenti: Il deossiribosio (ovvero zucchero pentoso), una base azotata collegata al deossiribosio con legame denominato N-glicosidico e un gruppo fosfato.
Nella formazione dei nucleotidi, possono essere impiegate quattro diverse basi azotate: adenina, citosina, guanina e timina.

La sequenza nella quale si dispongono queste quattro basi azotate costituisce di fatto l'informazione genetica, tale informazione è decifrabile attraverso il , il quale ne permette la traduzione in amminoacidi.
La Sintesi Proteica (detta anche traduzione genetica) risulta possibile solo in presenza di una molecola intermedia di RNA la quale si genera mediante la trascrizione del DNA.

Questo processo non crea solo filamenti di RNA destinati esclusivamente alla traduzione, al contempo crea anche frammenti in grado di svolgere svariate funzioni biologiche. Prima della divisione cellulare l'informazione genetica viene duplicata, tale processo è conosciuto "Replicazione del DNA", fà si che non si perda l'informazione genetica originale durane le Generazioni.


DNA ... La scoperta

DNA - il ricercatore svizzero Friedrich Miescher La scoperta del DNA e' stata attribuita al ricercatore svizzero Friedrich Miescher.

La storia racconta che gia' nel 1869 il DNA fu isolato dallo svizzero Friedrich Miescher (biochimico) che osservo una sostanza microscopica in bende chirurgiche utilizzate, dandole il nome di nucleina, poichè tale molecola era stata localizzata nel nucleo.

Phoebus Levene nel 1919 sopre la struttura del nucleotide, formata da base azotata, fosfato e zuccheri.
Levene sostenne per la prima volta che il DNA e' un filamento di nucleotidi legati tra loro tramite fosfati. Levene maturo anche la convinzione che tale filamento fosse corto e che le basi fossero disposte secondo un costante ordine ripetuto.

Trascorrono quasi venti anni prima che William Astbury, nel 1937, possa presentare alla comunita' scentifica i primi risultati dei suoi studi sulla diffrazione a raggi X, i quali dimostrano che il DNA ha una struttura sistemica molto regolare.




DNA.it © Copyright 2008